venerdì 13 settembre 2013

[ Ecobio: istruzioni per l'uso]: Ingredienti dannosi nei cosmetici

Salve a tutti! Oggi vorrei parlarvi di Inci e quali sono gli ingredienti da evitare nei cosmetici.

I cosmetici tradizionali e quelli che si spacciano per "naturali" ( per conoscere le differenze tra i cosmetici ecobio, naturali e tradizionali clicca qui) contengono ingredienti dannosi, sia per la persona che per l'ambiente.
E' necessario ricordare quali sono gli ingredenti da evitare e, per ogni eventuale dubbio, consultare il Biodizionario.

Prima di scrivere la lista, vorrei dirvi che gli ingredienti, presenti ai primi posti nella lista dell' Inci di un determinato cosmetico sono quelli presenti in maggiore quantità.

Ecco la lista:
  •  Siliconi: terminano in - one, -thicone, -siloxane, -silanol (Es. Dimeticone, Ciclopentasiloxane)
I siliconi sono dei polimeri inorganici, sono sostanze idrorepellenti, duttili, antistatiche, resistenti alle alte temperature, chimicamente inerti. Rendono creme, shampoo e balsami piacevoli al tatto e in un primo momento, la pelle appare più levigata e i capelli più lucenti. Non fanno altro che rivestire, capelli e pelle di una pellicola, ma a lungo andare rovinano sia la pelle che i capelli, infatti dopo un lungo utilizzo i capelli risulteranno sempre più secchi e aumenteranno anche le doppie punte, tenderanno ad appesantirli e li faranno sporcare più velocemente. Sulla pelle favoriscono l'insorgenza di impurità proprio perchè creano questa pellicola, che occlude i pori e non fa respirare la pelle.

  • Petrolati: Mineral oil, Petrolatum, Paraffinum liquidum, Cera microcristallina, Vaselina, Microcristalline Wax.
Sono dei composti derivati dal petrolio per distillazione; sono utilizzati in campo cosmetico come agenti filmanti, che creano un film occlusivo sulla pelle, la pelle apparentemente apparirà più lisica e levigata, ma in realtà verrà soffocata: questa pellicola occlude i pori e le conseguenze sono punti neri, brufoli e imperfezioni.

  • Conservanti cessori di formaldeide: 
    Methylchloroisothiazolinone
    Methylisothiazolinone
    Formaldheyde
    Diazolidinyl urea
    Imidazolidinyl urea
    DMDM hydantoin
    Benzylhemiformal, 2-bromo, 2-nitropropane
    methyldibromo glutaronitrile
    sodium hydroxymethylglycinate
    1,3-diol, 5-bromo, 5-nitro, 1,3-dioxane
    Quaternium 15
    Kathon CG
La formaldeide è un conservante definito con certezza cancerogeno. Gli effetti, a breve periodo sono irritazioni, infiammazioni, in particolare delle vie respiratorie e delle mucose, disturbi della vista, nausea, eczemi. L’assorbimento prolungato può  provocare forme tumorali. Le sostanze citate sopra rilasciano formaldeide: li troviamo nei balsami, negli shampoo, nei prodotti indurenti per le unghie, nei prodotti di makeup.
  •  Parabeni: methylparaben, ethylparaben, propylparaben
    isobutylparaben, butylparaben, benzylparaben
I parabeni sono sotanze chimiche, utilizzate come conservante, ecco perchè si trovano nella maggior parte dei cosmetici; costano molto poco. Alcuni studi sostengono che i parabeni siano sicuri, ma molti di più sostengono che siano pericolosi e collegati ad alcune forme di cancro: sarebbero cancerogeni proprio quando entrano in contatto diretto con la pelle, infatti una volta che si sono depositati nei tessuti umani, possono rimanervi lì per decenni e provocare malattie a distanza di anni. 
Essi sono legalmente autorizzati dall'Unione Europea e l'industria cosmetica insiste sulla loro innocuità. 
  •  Altri
    Triethanolamine (TEA) es: Cocamide Tea, Monoethanolamine (MEA) es: Cocamide Mea:  sono presenti in molti cosmetici,
    si possono trovare anche nei prodotti che fanno schiuma quindi shampoo, saponi e bagnoschiuma e danno luogo a nitrati e nitrosamine, cioè agenti cancerogeni.
  •  PEG - Polietilenglicole, PPG: si trovano negli inci con la sigla PEG- seguita da un numero (es: PEG-100) oppure con la sigla eth- seguita da un numero (es: trideceth-9); sono utilizzati come emulsionanti. Più il numero è alto, più si possono formare, residui come il diossido di etilene, che è cancerogeno.
    BHA, BHT: sono conservanti potenzialmente cancerogeni.

    Triclosan: è contenuto nei prodotti igienizzanti, nei dentifrici e colluttori, può causare danni al cuore e ai muscoli.
    SLS - Sodium Lauryl Sulfate: non è una sostanza cangerogena, ma è molto aggressiva; discorso a parte per lo SLES ( Sodium laureth sulfate), che, se ben bilanciato da betaina e cocoglucoside lo possiamo accettare nei cosmetici, ma se è seguito dal sale ( sodium cloride), diventa aggressivo. 
  • Propylene glycol: può penetrare negli strati profondi della pelle e funge da traianate agli altri ingredienti, può causare dermatiti e danneggiare le memebrane cellulari.
    Alluminium: lo troviamo nei deodoranti e antitraspiranti.
    L’uso prolungato di queste sostanze è collegato al rischio di insorgenza di cancro al seno.
    Parafenilendiamina (PFD):
    è il colorante più importante usato per le colorazioni permanenti dei capelli. Molto spesso dà luogo a fenomeni di sensibilizzazione tanto che questa sostanza è stata bandita da molti Paesi europei.
    Ftalati: si posso trovare negli smalti, sono sostanze tossiche.
    Toluene: si può trovare negli smalti, può provocare disturbi al sistema nervoso
     
Con questa lista non ho assolutamente intenzione di spaventarvi, ma vorrei farvi capire quali sono i prodotti più sicuri da usare e springervi verso un consumo più consapevole; purtroppo c'è ancora tanta ignoranza in giro per quanto riguarda l'Inci.

       


I siliconi sono polimeri inorganici che hanno molteplici campi di applicazione. La loro versatilità è data dalle caratteristiche di questa famiglia di molecole. Si tratta infatti di sostanze idrorepellenti, duttili, antistatiche, resistenti alle alte temperature, resistenti all’invecchiamento (e quindi non biodegradabili), chimicamente inerti - See more at: http://www.bellisubito.com/viso-corpo/siliconi-nei-cosmetici-tutti-i-rischi-per-pelle-e-capelli/#sthash.QZwCYGqD.dpuf
I siliconi sono polimeri inorganici che hanno molteplici campi di applicazione. La loro versatilità è data dalle caratteristiche di questa famiglia di molecole. Si tratta infatti di sostanze idrorepellenti, duttili, antistatiche, resistenti alle alte temperature, resistenti all’invecchiamento (e quindi non biodegradabili), chimicamente inerti - See more at: http://www.bellisubito.com/viso-corpo/siliconi-nei-cosmetici-tutti-i-rischi-per-pelle-e-capelli/#sthash.QZwCYGqD.dpuf

16 commenti:

  1. Lista utilissima per chi come me è alle prime armi con l'inci!

    RispondiElimina
  2. Mi devo studiare questa lista di ingredienti!! Alcune cose le sapevo, ma altre no...d'ora in poi farò molta più attenzione!! Grazie mille!!^_^

    RispondiElimina
  3. Hi! Lovely blog and great post! I would like to invite you to know my blog, do you like? ;) www.mvesblog.com

    RispondiElimina
  4. Post davvero utile, tutti devono conoscere quello che si cela dietro ad un trucco non ecobio...sob ^-^

    RispondiElimina
  5. Provo a guardare i vari inci prima di comperare prodotti a volte è complicato perché non li riesco a ricordare a memoria :) grazie per le tue indicazioni

    RispondiElimina
  6. Oh cavolo! Grazie infinite per questo post, mi chiedevo da tempo che cosa fossero certi ingredienti e quali dovessi evitare (sapevo dei siliconi), ma non avevo idea di tutto il resto.

    Ti volevo chiedere se potevo riproporre questo post (naturalmente indicando il tuo blog come fonte, con il link) nel mio blog; sono sicura che questo argomento interessa moltissimo anche alle mie iscritte.

    ps: grazie per essere passata nel mio blog e per esserti iscritta, mi aggiungo subitissimo al tuo =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi riproporlo, citandomi ovviamente.
      Mi ha fatto piacere esserti stata utile, baci ;-)

      Elimina
  7. ciao complimentissimi per il blog, lo trovo utilissimo e molto interessante!! qualche tempo fa ho comprato uno smalto per le rinforzare le unghie, devo dire che funzionava benissimo ed ero molto contenta, tanto che l'ho detto al mio fidanzato, che lavora in campo chimico, lui ha preso lo smalto incuriosito e 5 minuti dopo era nel cestino con mia somma disperazione.. effettivamente conteneva formaldeide... ha detto lui che è meglio che mi tengo le unghie corte, non fa niente se si spezzano!!! io non sapevo niente, ero anche tutta contenta che lo smalto funzionava...bisogna proprio stare più attenti!!!!
    sono tua follower adesso!!!
    passa da me,se ti va e se ne hai voglia seguimi!!!
    buona serata
    mavi

    http://maviebasta.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-D. La formaldeide fa indurire tantissimo le unghie, ma al tempo stesso le secca, per non parlare di quanto è nociva...ci sono altri modi per avere delle unghie sane e forti.
      P.s. Sono passata da te con piacere.
      Baci ;-)

      Elimina
    2. grazie, infatti devo trovare qualche altro sistema ugualmente efficace!!!
      speriamo presto!!!
      baci
      mavi

      ps se ti va da me c'è un piccolo giveaway
      http://maviebasta.blogspot.it/2013/09/my-first-giveaway-pochette-lollipops.html

      Elimina
  8. Cavoli, quante cose che non si sanno!!
    Grazie per questa lista, è molto utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente ;-) Mi fa piacere che questo articolo ti sia servito, il mio obiettivo era proprio quello di diffondere la conoscenza dell'inci...purtroppo c'è ancora tanta ignoranza in giro riguardo a questo argomento.

      Elimina
  9. Ciao, complimenti per il blog, mi piace molto! nuova iscritta :)
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ;-) Anche il tuo mi piace molto, ti seguo con piacere. Baci

      Elimina